FISCO

Mutuo giovani

Il target principale è costituito dai giovani, coloro cioè che non hanno ancora raggiunto la soglia dei 35 anni. È questa la fascia di mercato che esprime le maggiori necessità di mutuo per l’acquisto della casa e anche quella che in genere ha poche risorse in tasca rispetto alla spesa da sopportare. Questo spiega l’evoluzione in atto nel mercato, con la diffusione di formule che puntano sulla flessibilità dell’offerta.

Rate leggere:
In questo scenario si inquadra l’iniziativa di Intesa Sanpaolo incentrata su
un lungo periodo iniziale di rate “leggere”. Si tratta di una soluzione
innovativa che si rivolge a quanti spesso decidono di andare in affitto e rimandano l’acquisto della prima casa perché non riescono a sostenere la rata del mutuo e ad avere, allo stesso tempo, ancora sufficienti risorse per altri progetti. Tutto questo in un contesto di mercato forse irripetibile, data la situazione di tassi ai minimi e di prezzi delle case che continuano a scendere, ma si vanno ormai stabilizzando.
La struttura del nuovo mutuo giovani prevede fino a 10 anni di rate  di soli interessi, senza rinunciare alle detrazioni fiscali previste per i finanziamenti per l’acquisto dell’abitazione principale. A questo si aggiunge la possibilità di bloccare subito e per tutta la durata del mutuo un tasso fisso tra i più bassi mai offerti dal mercato, a partire dall’1,45%. Condizioni che consentono di pagare una rata in molti casi inferiore rispetto al normale canone di affitto.

Mutui, focus sui giovani

L’esempio
Un esempio può aiutare a rendere l’idea: un under 35 che acquista un’abitazione da 150mila euro può ottenere l’intero ammontare con un mutuo a tasso fisso pari al 100% del valore e condizioni a partire dal 2,70% per una durata di 30 anni, pagando 338 euro mensili, rispetto a una rata media di mutuo di 608 euro.
L’offerta completa le agevolazioni via via introdotte da Intesa Sanpaolo per permettere ai giovani, compresi i lavoratori atipici e quelli “a tutele crescenti”, di acquistare casa con un mutuo, come la possibilità di finanziare fino al 100% il valore dell’abitazione, la durata fino a 40 anni, l’opzione
gratuita per sospendere per sei mesi e per tre volte il pagamento delle rate, infine l’opzione gratuita per allungare o accorciare la durata per un massimo di 10 anni.

Un sostegno per gli imprevisti
La flessibilità nell’offerta di Intesa Sanpaolo riguarda anche la previsione di finanziamenti aggiuntivi al mutuo principale per fronteggiare eventuali imprevisti. Lo strumento si chiama MutuoUp e ha una struttura semplice: finanziamento utilizzabile per far fronte a eventuali imprevisti. Nel concreto, chi sottoscrive il mutuo può contare fino al 10% aggiuntivo utilizzabile entro un anno. Somma che può servire ad esempio per finanziare le spese del notaio o la ristrutturazione, se non addirittura gli arredi.
Così non si dovrà più scegliere tra rinunciare o sottoscrivere un ulteriore prestito, magari difficile da sostenere quando già si sta pagando un mutuo. Con MutuoUp, invece, la somma è disponibile in 24 ore alle condizioni definite al momento della stipula. Se nei dodici mesi previsti non viene utilizzata, viene restituita a costo zero.

Fonte:repubblica.it
Chiama subito
Mappa